Federazione Coldiretti Cuneo

Visita il sito Coldiretti Nazionale: www.coldiretti.it

Ricerca nel sito:

Ricerca avanzata

immagine Federazione Coldiretti Cuneo
La COLDIRETTI di CUNEO intende dare concretezza nell’operatività e nelle scelte strategiche al concetto di forza sociale per cui agisce in modo intersettoriale cercando il giusto equilibrio al fine di garantire crescita e sviluppo per le imprese associate.

Di seguito gli obiettivi posti.

IMPRESE AGRICOLESalvaguardare le esigenze delle imprese agricole che devono essere tutelate per avere una garanzia di futuro. Supportare gli imprenditori nelle loro scelte gestionali, informandoli su tutte le normative, disposizioni, novità che possono condizionare la vita dell’azienda. Garantire un punto di riferimento per lo svolgimento delle pratiche che l’imprenditore deve predisporre.

GIOVANIIl Movimento Giovanile, parte integrante della Coldiretti, propone ai giovani occasioni di confronto, crescita e formazione socio-culturale, sindacale, di educazione ad una attiva partecipazione. Offre loro l’opportunità di esprimere le opinioni e le esigenze proprie del mondo giovanile iniziando il cammino all’interno della Organizzazione e nell’ambito economico-imprenditoriale.

DONNALa donna riveste un ruolo importante all’interno del settore agricolo che basa la sua economia sulla gestione familiare dell’impresa. Nella Coldiretti la donna concorre, attraverso il coordinamento per l’imprenditoria femminile, a promuovere lo sviluppo dell’agricoltura e della ruralità riservando particolare attenzione alle politiche sociali e di pari opportunità.

TERZA ETÀLa Coldiretti riserva a questa categoria di persone molta attenzione e rispetto. L’impegno è volto a raggiungere sempre migliori traguardi di carattere sociale (pensioni adeguate) e nel consolidare la presenza di servizi assistenziali dislocati sul territorio. Ma soprattutto si lavora per conservare al pensionato un ruolo attivo nella società evitando l’emarginazione e la solitudine.

FAMIGLIAValorizzazione degli addetti al settore primario attraverso il primo autentico momento aggregativo: la famiglia diretto-coltivatrice. Individuazione di un sempre più equilibrato rapporto sociale, culturale, professionale ed economico tra gli addetti all’agricoltura ed il resto della società.